Conferenze

conferenza03.jpg

Per anni ho portato in giro la Conferenza “Oltre la Musica” svelando il lato occulto della musica ma oggi c’è di più: videogames, serie tv, cinema, libri, moda… tutti strumenti che se non correttamente utilizzati possono essere deleteri per la psiche e per l’anima.

Alcune statistiche rivelano oggi che uno dei fenomeni più allarmanti che caratterizzano il mondo degli adolescenti è l’aumento di interesse nei confronti delle pratiche magiche. Ma che male c’è a interessarsi dell’occulto? Spesso negli ultimi anni i mezzi di comunicazione hanno parlato di dischi che spingono alla violenza, al suicidio, all’uso di droga, all’adorazione del diavolo; di videogames diseducativi e di serie televisive pericolose per menti troppo giovani e fragili. Ma qual è la reale dimensione di questo fenomeno? La musica ha davvero un potere di tale portata? Un videogioco può realmente trasformarsi in un’arma di persuasione occulta? Un telefilm può indurre a compiere azioni sconsiderate?

La questione dev’essere affrontata con grande equilibrio. Per tale motivo nasce la Conferenza Multimediale “Che Male c’è? I giovani e il fascino dell’occulto” per un uso corretto, consapevole e intelligente dei mezzi di intrattenimento.
È uno studio che affronta, dimostra e valuta il modo in cui i mezzi di intrattenimento spesso persuadano le persone a certi comportamenti attraverso tecniche occulte, sia da un’ottica scientifica e sociologica, sia da un’ottica cristiana.

L’idea di progettare questo studio, che da ricerche effettuate è il primo del settore in Italia, nasce dalla necessità di informare e avvisare le persone, in modo documentato e strutturato, sulle problematiche sociali e i fenomeni occulti che spesso si nascondono dietro musica, videogames, serie tv ed eventi di intrattenimento in generale, anche riaffermando principi divini e cristiani di verità che sempre più si stanno perdendo nella nostra società.

Lo studio è rivolto agli adolescenti, ai giovani, alle famiglie, ai genitori, educatori, musicisti, insegnanti, universitari, psicologi e a chiunque voglia conoscere il lato oscuro dell’industria dell’intrattenimento e difendersi da esso.

La Conferenza è interamente multimediale e darà ai partecipanti la possibilità di osservare e ascoltare tutto ciò che, spesso e volentieri, viene nascosto dietro a un motivetto orecchiabile o a un videoclip accattivante.

Perché non fare la conferenza nella tua città?
Se sei interessato scrivi al seguente indirizzo:
mail

conferenza04.jpg

FOTOGALLERY 2018/2019

Questa presentazione richiede JavaScript.